Zia abusa del nipote: Arrestata

loading...

Questa strana storia arriva dagli U.S.A, dove una donna di 43 anni è stata arrestata per violenze a seguito di una denuncia da parte del nipote. Proprio così, il nipote della stessa donne ha accusato la zia di averlo ripetutamente violentato per circa due anni. Il ragazzo era stato affidato alla zia ed a suo marito perché per i servizi sociali non poteva più rimanere nella famiglia di origine. Appena arrivato in casa della zia però le cose non sarebbero andate come previste, anzi tutt’altro.

I fatti si sarebbero svolti (il condizionale è d’obbligo in quanto è ancora in corso il processo) tra il duemilasette ed il duemilanove. Il giovane sarebbe arrivato a casa dell zia perché vittima di violenza in famiglia. Secondo i servizi sociali che lavevanonpreso in cura, la famiglia degli zii era la famiglia ideale dove lasciarlo perché il loro profilo psicologico era risultato essere dei migliori. Lo zio aveva un ottimo posto di lavoro e la zia, casalinga e senza problemi economici avrebbe avuto tutto il tempo per prendersi cura del nipote. Ricordiamo che all’epoca dei fatti era ancora minorenne. Il giovane nel duemilasette aveva ancora diciassette anni è solo dopo aver compiuto i diciannove anni avrebbe trovato la forza per reagire alle violenze.

Ma veniamo al dunque. Mentre il marito era lavoro, la donna avrebbe approfittato della su a assenza per intrufolarsi nella camera del nipote e di violentarlo contro il suo volere. Questa storia sarebbe quindi andata avanti per ben due anni. Ormai maggiorenne, nel duemilanove, il ragazzo decide di lasciare la casa degli zii ed andare a vivere da solo. Riesce però a trovare il coraggio di denunciare solo oggi. Agli inquirenti ha raccontato di aver dovuto vincere la vergogna per potersi presentare da loro e raccontare la sua storia. Temeva di non essere creduto o addirittura che qualcuno si potesse prendere gioco di lui

loading...

PER IL METEO DELLA TUA CITTA' CLICCA QUI'

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *