Un padre muore e lascia sei figlie. Tre anni più tardi, un poliziotto vede i bambini a piedi nudi in un supermercato. E’ straziante …

loading...

La professione in polizia è molto impegnativa e rischiosa, ma è soprattutto un lavoro molto nobile, il cui principio è quello di fare di tutto per garantire la sicurezza della popolazione. Mark Engravalle è un poliziotto, come molti altri, passato attraverso situazioni molto difficili durante la sua professione.

Un giorno viene chiamato in un supermercato a causa di un tentativo di furto.

Al suo arrivo al supermercato, il personale lo mette al corrente che una donna di nome Sarah Robinson, ha cercato di rubare pannolini, vestiti e scarpe.*

Quando vede Sarah e le sue figlie, Mark si accorge che sono scalze ed hanno i piedi tutti sporchi.

Sarah comincia a piangere quando Mark chiede perché ha cercato di rubare, pensando di essere arrestata e che nessuno sarebbe in grado di prendersi cura delle sue sei figlie.

Mark scopre che Sarah vive con molte difficoltà dal 2012, l’anno in cui suo marito era morto.

Dopo la morte del marito, Sarah ha perso la sua casa e vive in macchina con Emily, Sophia, Angelina, Miley ed i gemelli Becky e Bella, di età compresa tra i 2 ei 15 anni.

Per questo la polizia non se la sente di arrestare Sarah, anzi sente che occorre fare qualcosa.

Poiché è anche padre di due figli, Mark rimane molto toccato dalla situazione di Sarah e le chiede di rientrare nel supermercato e scegliere le scarpe per i bambini.

Mark si offre di pagare anche i pannolini e altri generi di prima necessità per le sue figlie.

“Non avrebbe potuto essere più gentile con le mie figlie ricorda Sarah. Il giorno dopo averci aiutato, ho ricevuto una telefonata dove mi diceva che stava andando a cercare una casa per noi “, dice la vedova.

Da lì, molte persone chiamano Sarah e Mark con offerte di aiuto

“Sono così grata, perché per me è deprimente dover rubare. Sto cercando un lavoro al fine di sostenere le mie figlie. Io sono bilingue, parlo inglese e spagnolo, sono brava con il computer “, spiega Sarah.

Non ci sono parole per ringraziare Mark, saremo sempre in debito con lui.

Bellissimo esempio di un bravo poliziotto che lavora non solo con le regole comuni della Polizia, ma con il cuore.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un mi piace e condividilo con i tuoi amici e fallo vedere anche a loro.

FONTE:http://www.piccolestorie.net/2017/06/12/un-padre-muore-lascia-figlie-tre-anni-piu-tardi-un-poliziotto-vede-bambini-piedi-nudi-un-supermercato-straziante/

loading...

PER IL METEO DELLA TUA CITTA' CLICCA QUI'

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *