“Da me solo ragazze single e in tacchi a spillo”. Indagato: la bomba travolge il magistrato “vip”. Chi è? / Guarda

loading...

E’ stata avviata un’indagine su una peculiare vicenda che al centro vede un giudice del Consiglio di StatoFrancesco Bellomo. Già, perché il magistrato avrebbe obbligato le studentesse della sua scuola privata a presentarsi ai corsi tassativamente in tacchi a spillo e trucco, chiedendo come requisito base che non fossero sposate: molte allieve parlano di vera e propria “violenza psicologica“, scrive il Corriere della Sera.

Una ragazza ha detto basta e il padre ha presentato la denuncia a Piacenza avviando così il procedimento per gli accertamenti sull’intera vicenda. E’ stato aperto il fascicolo “modello 45“, quello che non prevede ipotesi di reato o indagati ma serve unicamente per compiere accertamenti in merito ad una possibile condotta illecita.

La scuola in questione è “Diritto e Scienza“, di cui Bellomo è direttore, e lo scandalo riguarderebbe i contratti per i borsisti. “Mia figlia sta cercando di tornare a una vita normale, è stata sotto ricatto per troppo tempo attraverso il contratto che come borsista doveva firmare per mantenere la borsa di studio. Francesco Bellomo ha il potere assoluto per farti passare o bocciare al concorso in magistratura”. Il padre racconta inoltre dei tentativi di Bellomo nel convincere la giovane a cedere, inviando a casa i carabinieri: “Sono venuti più volte, chiedevano a mia figlia di firmare un atto di conciliazione”.

L’ANMA (Associazione Nazionale Magistrati Amministrativi) ha espresso subito l’urgenza nell’arrivare ad una conclusione della vicenda: “Si intervenga con la massima sollecitudine ma allo stesso tempo evitiamo, poiché non è in gioco la funzione giurisdizionale, che un episodio diventi l’occasione per un’altra caccia alle streghe contro la giustizia amministrativa”. liberoquotidiano.it

Francesco Bellomo

loading...

PER IL METEO DELLA TUA CITTA' CLICCA QUI'

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *