“Nuovo missile a lunga gittata”. Incubo islamico sull’occidente…

loading...

Si chiama “Khorramshahr”. E non è una parolaccia, ma un nuovo missile balistico. era stato visto per prima volta durante la parata nel corso della “settimana della Difesa Sacra”, che ogni anno commemora la guerra contro l’Iraq degli anni ’80. Poi la notizia: ieri il “Khorramshar” è stato testato per la prima volta con un lancio perfettamente riuscito. Questa volta, però, la Corea del Nord non c’entra.

C’entra invece, e forse è anche peggio, l’Iran. el corso della cerimonia a Teheran, il presidente Hassan Rohani aveva annunciato l’intenzione dell’Iran di rafforzare le sue “capacità militari” e in particolare il suo programma di sviluppo di missili balistici. Il test appare come una sfida al presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha rimesso in discussione l’accordo sul nucleare con Teheran, da lui definito “imbarazzante”, e ha imposto nuove sanzioni all’Iran proprio per via del suo programma missilistico. Negli ultimi anni l’Iran ha sviluppato un vasto programma balistico che preoccupa gli Stati Uniti, ma anche l’Arabia Saudita, il suo principale rivale nella regione, alcuni Paesi europei, tra cui la Francia, e Israele, il suo nemico giurato.

Teheran afferma che il suo programma balistico è solo difensivo. “Il nostro potere militare non è progettato per attaccare altri Paesi”, ha detto Rouhani. All’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di New York. Ma le tante dichiarazioni dei vertici politici e militari sulla “cancellazione di israele dalla faccia della terra”, effettuate anche negli ultimi mesi, non possono certo essere dimenticate. Un missile balistico impiegherebbe appena pochi minuti per raggiungere il territorio israeliano dopo il lancio dall’Iran.

 
loading...

PER IL METEO DELLA TUA CITTA' CLICCA QUI'

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *