Attenzione: “La nuova truffa” se trovate questo sul parabrezza non è un buon segno.

loading...

Per truffare il prossimo i malviventi ne inventano sempre una più del diavolo. Questa volta, a destare scalpore, è la truffa di cui vi parleremo. Secondo questo nuovo schema, a farne le spese saranno le persone di buona fede che verranno attratte da qualcosa di molto particolare. Per soggiogare i moderni sistemi di antifurto delle auto moderne, i truffatori hanno pensato bene di mettere sul parabrezza delle auto parcheggiate una banconota da 50 o 100 euro. Ovviamente, non si tratta di banconote vere, ma sono di fake.* L’obiettivo è quello di ingannare il proprietario dell’auto, che accorgendosi solo quando è in macchina della banconota, credendo sia stato particolarmente fortunato, scende dall’auto per recuperarla ma invece avrà una brutta sorpresa: solo all’apparenza sarà un colpo di fortuna! I ladri, con questa mossa, vi ruberanno l’auto in men che non si dica.

La banconota è posizionata proprio in modo da costringervi a scendere dall’auto per poterla prendere. È un trucco che viene utilizzato soprattutto all’uscita dei supermercati, nei grandi parcheggi. Se uscite dall’auto per recuperarla, è chiaro che lasciate le chiavi dentro il mezzo che stavate per mettere in moto: è proprio in questo frangente che subentra il ladro pronto a sottrarvi l’auto. Una di queste vittime è Kyri Viehmann: esattamente l’anno scorso, la donna, mentre era fuori a fare compere natalizie con la madre si accorse quando già aveva messo in moto l’auto della banconota. La ragazza accostò per prenderla. Sul retro si leggeva: “Pensavi fosse vera, eh?”. La sua fortuna è stata quella di accorgersene dopo, e non mentre era nel parcheggio. Se fossero riusciti a prendere l’auto sarebbe stato terribile: la donna non era sola, sui sediolini posteriori c’era anche il suo bimbo di appena un anno.

loading...

PER IL METEO DELLA TUA CITTA' CLICCA QUI'

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *